Fisco: Ancora Flat Tax!

Autore/i: 
Aprile 2019

Pubblicato su News InPiù.

Salvini ha rilanciato sulla Flat Tax prima che l'opinione pubblica e gli stessi esperti si rendessero conto degli effetti del primo intervento. Al di là del fatto che, se non ci sono soldi (e non ce ne sono!), dovrebbe apparire per lo meno stravagante proporre ulteriori riduzioni di imposte, i commentatori non hanno sottolineato il rischio di sconvolgimento della nostra principale imposta. Oramai la conoscenza, la scienza, la tecnica, appaiono irrilevanti e fastidiose anche per i media meno favorevoli al Governo. Andiamo per ordine. Con la recente legge di bilancio è stato stabilito che le partite Iva, cioè professionisti, commercianti, artigiani, e altri operatori individuali con volume d'affari inferiore ai 65.000 euro dovranno pagare l'Irpef in base ad un'aliquota proporzionale del 15%, senza essere assoggettati all'Iva e alle addizionali regionali e comunali.
 
Non si considerano i costi di produzione, per cui il fatturato di un orefice è trattato nello stesso modo dei ricavi di un avvocato, o di un idraulico, e quindi la disparità di trattamento tra contribuenti con lo stesso reddito è assicurata, per non parlare di quella con i lavoratori dipendenti e i pensionati. Non contenti di questo exploit, nella stessa legge di bilancio è previsto che dal 2020 le medesime partite Iva con fatturato compreso tra 65.000 e 100.000 euro paghino in base ad un'aliquota del 20%, ma questa volta sul reddito determinato analiticamente.
 
Ora per il futuro si prospetta di estendere l'applicazione dell'aliquota del 15% anche ai lavoratori dipendenti (e pensionati?) con reddito familiare fino a 50.000 euro. In questo modo si riduce la platea degli interessati per evitare perdite di gettito clamorose. Sono anche in questo caso escluse le addizionali locali. Alla fine dell'operazione e in attesa di altri pasticci, avremo un'Irpef forfettaria e un'aliquota del 15% per molti lavoratori autonomi e piccole imprese individuali, un'imposta al 20%, ma con la contabilità analitica, l'Iva e le addizionali, per altre imprese e attività individuali (ma non per tutte), ed un'aliquota del 15% e niente addizionali, per una parte dei lavoratori dipendenti, mentre si continuerebbe ad applicare la struttura tradizionale dell'Irpef (5 aliquote, base individuale, contabilità analitica) a tutti gli altri contribuenti.
 
Sia per i forfettari che per i lavoratori dipendenti tassati su base familiare si verificherebbe un "effetto soglia" per cui al margine, una volta che superassero la soglia di reddito previsto subirebbero un prelievo superiore al 100%. Siamo di fronte all'uso discrezionale gratuito del sistema fiscale, anzi ad un abuso vero e proprio, senza preoccuparsi né degli effetti economici, né tanto mento del principio di parità di trattamento. Siamo in presenza di uno scandalo in cui si sommano protervia, ignoranza, incompetenza e irresponsabilità.

Area Tematica: 

Leave a comment

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un visitatore umano.
3 + 14 =
Risolvi questo semplice problema matematico e inserisci il risultato. Esempio: per 1 + 3 inserisci 4.

Il Giornale Online di Nens