La fine della tutela nel settore elettrico: una legge maldestra

Autore/i: 
Gennaio 2021

La soppressione del mercato tutelato non è una liberalizzazione perché non rimuove alcun vincolo (i clienti già dal 2007 sono tutti liberi di scegliere una offerta sul mercato libero); non incrementa la concorrenza perché, al contrario, sopprime un concorrente nel mercato dei clienti domestici (l’Acquirente Unico);  non favorisce i consumatori, anzi li penalizza perché li costringe a pagare prezzi mediamente ben superiori a quelli attuali.

Si tratta quindi di una norma che in sostanza favorisce solo gli interessi dei venditori di energia elettrica, che è stata approvata senza un adeguato dibattito pubblico e nella disattenzione di buona parte del Parlamento.

ARTICOLO IN ALLEGATO

Area Tematica: 
AllegatoDimensione
Microsoft Office document icon La fine della tutela.doc235.5 KB

Leave a comment

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un visitatore umano.
4 + 2 =
Risolvi questo semplice problema matematico e inserisci il risultato. Esempio: per 1 + 3 inserisci 4.